Pochi di voi ne avranno sentito parlare, ancora meno l’avranno assaggiato.
Il teff è un cereale privo di glutine e ricco di nutrienti.
Il suo nome deriva dall’amarico “teffa” che significa perdita; è infatti talmente piccolo (1 mm di diametro) che i suoi chicchi sfuggono facilmente dalle mani.
E’ utilizzato principalmente dalla cucina Etiope per realizzare una sorta di piadina spugnosa, negli ultimi anni però sta entrando anche nelle nostre cucine.
Questo super cereale ha molte proprietà benefiche: oltre a essere privo di glutine, quindi adatto ai celiaci, nella sua porzione minima contiene proteine di alta qualità (contengono gli otto aminoacidi essenziali), fibre , il 25 per cento della quantità giornaliera raccomandata di magnesio , il 20 per cento di quella del ferro, il 10 per cento di quella del calcio, vitamina B6 e zinco. Il teff è inoltre ricco di amido resistente, un tipo di amido che non viene trasformato in zucchero e passa indenne nell’intestino. Per questo è utile per migliorare il transito intestinale, favorire il controllo dell’appetito e regolare il livello di zuccheri nel sangue.
Per ottenere il risultato che vedete nella foto mettiamo i semi di teff a bagno in un vaso di terracotta, successivamente li sottoponiamo a una fonte di calore per 8/10 giorni fino a germogliare.
IMG_5548
Foto by ©Marco Scarpa