È estate e i mitici 9 milioni di Veicoli (che ormai non li conta più nessuno, sono quelli e bon) sono già in giro da un bel po’ su strade e Autostrade della nostra meravigliosa Penisola.

Ai Turisti Nostrani, che avendo scelto tutti insieme le partenze Intelligenti, si danno appuntamento sui tratti affollati più o meno tutti, sempre intelligentemente, alla stessa ora, si aggiungono festosi e, grazie al cielo per la nostra economia, sempre numerosi anche i Turisti Stranieri. Così accade che ci si trovi in coda, con il cartello ingannevole che indica “Rallentamenti da… a…:”, e invece ci si trova fermi, immobili, con impercettibili spostamenti, magari per una o due ore; e allora che si fa?

Dunque, tra le varie gamme di comportamenti che ho potuto osservare dalla mia macchina quando ci sono capitato, ne ho selezionati alcuni davvero particolari:

  1. molto diffusa la consultazione del cellulare/smartphone (meglio comunque così che in movimento sulla corsia di sorpasso a 130 all’ora), e si Twitta, si Posta o, peggio ancora, si caccia… ovvero si va alla ricerca dei Pokemon, i quali salutano sorridenti, magari dal cavalcavia soprastante, pregustandosi già il tamponamento e le successive scuse impresentabili e assurde per non dichiarare al tamponato che cosa realmente si stava facendo.
  2. abbastanza frequente, soprattutto per Coppie esaurite o Famiglie con bambini, resi irrequieti dalle Code a ripetizione generate dalla “Partenza Intelligente“, si coglie l’occasione per discutere (direi litigare) sull’opportunità di lasciare o meno l’Autostrada e prendere la Statale all’Uscita successiva. Frasi che fan scattare la bagarre veicolare? Esempio: “Te l’avevo detto io… “ pronunciata dalla madre o dal padre… nel momento peggiore… quello in cui Isoradio conferma i 5 km… ”In evoluzione…“ (altra frase che dice e non dice).
  3. tutti dormono, alcuni con piedi fuori dal finestrino, e il Guidatore ascolta la radio distrattamente con la faccia che conferma la perdita graduale dei benefici psicologici della vacanza a ogni Km in più di coda.

Ma poi, come per miracolo, secondo la magica legge dell’entropia o del Caos che si organizza da solo, la coda si muove, sempre più velocemente e, a un tratto si riprende la normale andatura, ovvero si accelera ferocemente fino alla prossima uscita dove, generalmente, non fidandosi delle indicazioni radio o famiglia, si esce e ci si rimette in coda sulla Statale dove quasi tutti, Intelligentemente, si sono portati lasciando libera l’Autostrada per i Single drivers.

La cosa che più stupisce è che la coda si sia dissolta miracolosamente senza una vera ragione, non c’era l’Incidente, non c’erano i lavori, ma allora per quale motivo siamo rimasti fermi per più di 2 ore? La radio, sempre lei, sembra darci la risposta, la più assurda e allo stesso tempo drammatica: le Code per Curiosi!

L’incidente in effetti c’era eccome, e anche abbastanza articolato, ma era sull’altra corsia e, come credo accada ormai solo da noi, si sono formate code per rallentamenti di auto che, provenendo dal senso opposto di marcia, quasi si fermano per vedere, per curiosare, magari per fare anche una foto, perché no… oppure per verificare se non fosse coinvolto anche Pikachu e magari prenderlo al volo puntando il cellulare e rallentando.

E qui arriva la conferma che il vero problema dunque non sono le Partenze Intelligenti, bensì quei Babbei che invece di fare magari una telefonata ai mezzi di soccorso o di segnalare con le 4 frecce a chi segue, con lo Smartphone filmano fotografano o cercano i Pokemon, e quasi inchiodano generando così la coda, ma soprattutto confermando una volta di più, se ce ne fosse stato bisogno, che le cose Intelligenti non fan proprio per loro.

www.enricobertolino.it