La Triennale di Milano e Fondazione Nicola Trussardi presentano La Terra Inquieta, una mostra ideata e curata da Massimiliano Gioni, visitabile a partire dal 28 aprile e fino al prossimo 20 luglio presso le sale de La Triennale di Milano.

Grazie alle opere di più di 65 artiste e artisti provenienti da vari paesi del mondo– Albania, Algeria, Bangladesh, Egitto, Ghana, Iraq, Libano, Marocco, Siria e Turchia tra gli altri – e con un allestimento che si estende all’interno della galleria al piano terra della Triennale per proseguire al piano superiore, La Terra Inquieta vuole narrare le trasformazioni epocali che stanno segnando lo scenario globale e la storia contemporanea, affrontando in particolare il problema della migrazione e la crisi dei rifugiati.

Attraverso installazioni, video, immagini di reportage, materiali storici e oggetti di cultura materiale, La Terra Inquieta esplora geografie reali e immaginarie, ricostruendo l’odissea dei migranti e le storie individuali e collettive dei viaggi disperati di cui siamo ormai quotidianamente testimoni. La mostra riporta la figura dell’artista nel suo ruolo di reporter dell’attualità, chiamato a raccontare l’era a lui contemporanea dandone un’interpretazione quanto più obiettiva possibile.

La Terra Inquieta
c/o La Triennale di Milano – Viale Alemagna, 6
Dal 28 aprile al 20 luglio
www.triennale.org