7 giorni di incontri, speech, mostre e workshop per un totale di 60 appuntamenti in 20 location, animati da oltre 100 ospiti a cui faranno da contorno 9 mostre per un festival che vuole, una volta di più, affermare Milano come la capitale internazionale del design. Sono questi i numeri e le aspirazioni di Brera Design Days, l’iniziativa che Studio Labo porta in città per il secondo anno consecutivo, dal 6 al 12 ottobre.
Lo scopo della manifestazione è indagare le relazioni del design con la tecnologia, l’empatia, la progettazione smart, la grafica, il pendolarismo e il gaming.
Protagonisti degli eventi in programma in questi giorni tra la Microsoft House di viale Pasubio, la Mediateca di Santa Teresa, lo spazio di co-working Spaces e il Laboratorio Formentini per l’editoria, sono le archistar Stefano Boeri e Cino Paolo Zucchi, i designer Marc Sadler, Lorenzo Palmeri e Giulio Iacchetti, ma anche Adele Cassina, Rossana Orlandi e Giovanna Castiglioni.

Tra i temi indagati anche il design pendolare, concentrato quindi su oggetti e luoghi, fisici e mentali, capaci di trasformare quello che ci circonda: dalle cuffie ai treni super veloci, dalle auto che si guidano da sole ai display negli aeroporti, dal bike sharing al cibo da viaggio.

Tra le mostre segnaliamo ‘Create Space’ presso la Galleria Clivio in Foro Bonaparte 48. L’esposizione raccoglie le opere su carta a tema “creare spazio” realizzate da 12 artisti/designer tra cui Nicola Felice Torcoli, Amalia del Ponte e Alessandro Algardi.

Per maggiori informazioni e per il programma completo dell’iniziativa visita il sito www.breradesigndays.it.